Tendenza Uomo AI20: il tie-dye

Annodare e tingere sono la traduzione esatta di questo trend, perché è proprio così che prende vita questa stampa. Basta annodare come si preferisce un qualsiasi capo ed immergerlo in differenti combinazioni di colore, et voila la magia è fatta. Il risultato della colorazione è sempre diverso e mai uguale al precedente, dunque ogni indumento avrà un proprio disegno, unico. 

Facciamo un balzo nel passato, se ben vi ricordate, questa stampa l’abbiamo già vista tra gli anni ’60 ed i ’70. Periodo storico in cui abbiamo l’esplosione della moda hippie, vestiti super colorati, stampe psichedeliche, spirali…Non si sono viste per un bel po’ di tempo, negli anni successivi qualche proposta sporadiche qua e là, prima di arrivare al grande ritorno. Il Tie-dye è da collocare nelle collezioni Donna-Uomo 2019/20. Torna in maniera preponderante, declinato su T-shirt, felpe, camicie, jumpsuit, giacche oversize ed addirittura in total look. Viene utilizzato e preso in considerazione anche dagli stilisti che in qualche modo hanno una visione più classica dei vestiario maschile, come Zegna e Giorgio Armani. Tutti, ma proprio tutti, lo amano.

L’uomo/il ragazzo che indossa un capo tie-dye, ama osare con il suo stile, vuole essere indiscutibilmente notato. La sua attenzione è rivolta alle ultime tendenze. C’è da dire, però, che bisogna fare molta attenzione rispetto all’occasione d’uso. Sicuramente non si può considerare elegante, ma è adatto ad un outfit sporty seppur alla moda. Come abbinarlo nei migliore dei modi? Protagonista deve essere il capo in tie-dye, of course, quindi il resto in colori abbastanza neutri e monocolore come nero, beige, e ad i piedi delle sneakers bianche dalla linea pulita.

Nello spazio dedicato allo streetwear, non potevamo non prendere in considerazione questa stampa, anzi. All’interno del nostro negozio troverete T-shirt e Felpe in tie-dye del brand Aries. Che aspettate? Venite a dare un’occhiata da Chirico Uomo!


Dejar un comentario

Por favor tenga en cuenta que los comentarios deben ser aprobados antes de ser publicados